scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

19.12.2008 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                          soggettive

Er Natale romano

 

A Sor Maè che fate alla viggija ?
Er venticinque indove lo passate ?
Ve trasferite sempre dalla fija
Oppuro state a casa alle borgate.

Sor Menico mio, me so fatto vecchio.
Sortì de casa mo me fa fatica.
Dovemio arivà a Bagnoreggio
Perché mi fija li s’é trasferita.

La confusione e li regazzini
So belli, ma te fanno gran casino.
T’abbuffi come fussimo tacchini
E drento delle vene score vino.

Quest’anno, co la sposa mia,
Ce famo du cosette che sapete:
Un brodino chè na meravija
Du fettuccine fatte cacio e pepe.

Na coscia d’abbacchietto arrosolato,
Un paro de carciofi alla giudia,
Du frittelle de cavolo lessato,
Anguilla, du patate e na bottija
De rosso co quer gusto d’abboccato.

Er panettone, che nun’è romano,
Co drento er zibbibbo e li canniti,
Un goccio de vin santo francescano
Du noci, fichi secchi abbrustoliti.

E così passamio la serata.
Sentimo Messa pe televisione.
E si la cecagna ancora né calata
Ce famo un par de mani a scopone.
 

Enrico il poeta
 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio