scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

martedì 29 maggio 2012

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                           fuori porta

Ostia
Facile: si va a Piramide, si sale sul trenino della Roma-Lido, si scende a Ostia con varie opzioni.
Lido Centro: da qui si arriva al piazzale della Rotonda, dove si scende al mare, dove andando verso nord, si arriva quasi subito al molo dove vanno i pescatori, dove ti puoi godere il tramonto rimpiangendo di non fumare più da tantissimi anni perché è la situazione ideale per accendere una sigaretta.
Vale la pena di fare una riflessione sul nome: Lido. Perché, notare bene, la linea è Roma-Lido, non Roma-Ostia. Giustamente, perché Ostia è in quartiere di Roma e non un’altra città, perché diversamente allora dovremmo dire Roma-Laurentina o Roma-Rebibbia, o Roma-Anagnina…
Giustamente, stavolta nel cuore, perché Ostia è il mare di Roma ed è il lido di Roma, con gli stabilimenti, con gli ombrelloni, con la spiaggia e tutto il resto.

Si può scendere anche al capolinea che è Colombo e che si chiama così perché è qui che finisce la Cristoforo Colombo, la terza strada del mare dei romani; le altre due sono la Via Ostiense e la Via del Mare, incredibilmente parallele che finiscono invece al centro di Ostia. Perché sono parallele?

Scendendo a Colombo si può fare una lunga passeggiata lungo la spiaggia, ammesso che si riesca a trovare un punto di accesso. Perché la legge direbbe che fra uno stabilimento e l’altro ci deve essere un corridoio di sicurezza largo un metro per il passaggio di chi vuole raggiungere il bagnasciuga che è libero a tutti perché è territorio demaniale e quindi dello Stato. Ma i corridoi sono rari.
Passeggiare lungo la strada per raggiungere il centro di ostia non è altrettanto bello perché gli stabilimenti occultano la vista del mare e a me viene come una grande infelicità, come quando capito nelle città di mare con i porti chiusi da barriere doganali e non è possibile passeggiare lungo i moli.

Da Colombo a Lido Centro sembra una distanza infinita ma non è così, non per quelli abituati a camminare. In realtà è poco più della distanza che c’è fra piazza del Popolo e il Colosseo, giuro, fatto di persona con tanto di verifica su Google Hearth.

Non so quale direzione consigliare se da Lido Centro a Colombo o viceversa. Entrambe le ipotesi hanno i loro vantaggi. La prima comporta il vantaggio di risalire sul trenino al capolinea e quindi sedersi dopo una bella camminata. La seconda permette di bere una bibita fresca, magari comprata in un alimentari e portata al molo dei pescatori dopo una bella camminata.
Fate voi.

 

angela :)


 


accade a Roma


percorsi

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema