scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

19.12.2007 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                          soggettive

Ettore Roesler Franz al Museo di Roma in Trastevere

 

Ecco una mostra a cui avrei voluto lavorare. Bella, con un profumo di antico ma non tanto da lontano da essere irriconoscibile, anzi, tutt'altro.

E' però vero che Ettore Roesler Franz a Roma è più conosciuto di quanto non si creda. Non c'è nessuno, credo, che amando Roma, non abbia almeno una volta visto uno degli suoi acquerelli di "Roma sparita" in una cartolina dove moltissimi sono stati riprodotti.

 

Personalmente credevo, fini a stamattina, di averli visti tutti, di possedere tra libri (l'ultimo ci è stato regalato dal Messaggero") e cartoline (il mio amico libraio della Grotta del Libro al Pellegrino mi ha regalato tutta la raccolta di cartoline, 50), praticamente tutte le riproduzioni del ciclo, più qualcosa di dipinto fuori Roma.

E invece... SORPRESA!

In questa deliziosa e direi piacevolmente "silenziosa" (nel senso della della serenità che scende nel cuore a visitarla) mostra, "hanno visto cose questi miei occhi" che non mi aspettavo, vedute sconosciute.

Piacevolissima sorpresa.

Eccone alcune, a parte la veduta sul Tevere che è anche il manifesto della mostra:

una veduta ai fiorentini dove a guardare bene ci sono due giovani nudi sulla riva e i loro vestiti ci si accorge che sono in primo piano sulla sabbia

le case medievali costruite sui resti delle mura lungo il fiume

la "cronaca" della prima visita a Roma di Vittorio Emanuele II con la città inondata dal Tevere (31 dicembre 1870)

 

Devo dire, infine, che questa dedicata a Ettore Roesler Franz, sta molto bene insieme a quella fotografica dedicata alle trasformazioni di Trastevere.  In definitiva parlano, almeno per un pezzo, dello stesso momento della storia. E non va dimenticato che Ettore era anche fotografo e molti dei suoi acquerelli sono stati fatti "guardando" alla foto da lui stesso scattata, per esempio quello del porto di Ripetta...

 

angela cannizzaro :)


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio