scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

giovedė 03 febbraio 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                antichi sapori di Roma e non solo

 

I panini paffuti

 

La pasta č la stessa della pizza e del pane di Gaia.

E la ricordiamo la dose per tre/quattro panini

 

 

 

Tre cucchiai belli pieni di farina

un cucchiaio di olio d'oliva

volendo un pizzico di sale.

 

E in un pentolino:

cinque cucchiai di birra messi a scaldare fin quando diventano appena appena tiepidi

Dentro sciogliamo mezzo cubetto di lievito di birra

Versiamo il liquido dentro la farina e impastiamo con un cucchiaio di legno.

L'impasto sarā tanto morbido da non poter essere manipolato. Aggiungiamo un cucchiaio di farina inm odo che l'impasto si possa manipolare con le mani.

Impastiamo, facciamone un palletta, lavoriamola tanto in modo che il calore delle mani faccia partire la lievitazione. Ce ne accorgiamo subito: dopo un paio di manipolazioni sentiremo che la pasta diventa subito elastica.

 

Mettiamo la pasta nella ciotola, con un coltello facciamo un taglio profondo a croce: servirā alla pasta a prendere aria e favorirā la lievitazione, copriamo la ciotola con un panno pesante, meglio ancora se al panno aggiungiamo un maglione di lana. E l'ambiente non deve essere freddo.

Lasciamo a lievitare per un'ora.

 

Accendiamo il forno e portiamolo a 180°

 

Manipoliamo di nuovo la pasta che nel frattempo sarā diventata pių del doppio. Dividiamola in tre o quattro parti e spianiamo i panini su una teglia antiaderente. Non serve olio. Caso mai usate un foglio di carta da forno.

I panini dovranno avere un diametro di circa sette/otto cm e una altezza di un centimetro. Raccomando di creare al centro un avvallamento.

Inforniamo e dopo un po' i panini si gonfieranno. quando saranno appena appena colorati (circa dieci minuti dopo) spegniamo il forno, aspettiamo altri cinque minuti e portiamoli fuori.

Saranno paffuti, morbidi e odorosi.

Li possiamo farcire con tutto quello che ci pare.

 

angela :)

 

 

 


accade a Roma


soggettive

la cittā futura

c'era una volta

cittā del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zčtema

Upter

Cittā del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittā

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema