scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

13.01.2007 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                             parole di sindaco

Lettera ad un cittadino e non solo a lui.

 

Con una lettera il Sindaco di Roma Walter Veltroni ha risposto ad un cittadino in merito alla dedica del 23 dicembre scorso alla Stazione Termini a Giovanni Paolo II.

Ecco di seguito il testo della lettera:

Gentile signor…..,

la sua lettera, insieme ad altre che ho ricevuto sullo stesso argomento, mi fa pensare che ci sia un equivoco, che forse è bene chiarire.

Il nome di Giovanni Paolo II, dal 23 dicembre, compare in due steli che si trovano all’interno della Stazione Termini. La cerimonia che si è svolta quel giorno non è stata dunque una intitolazione, per il semplice motivo che la Stazione continua a chiamarsi così, “Termini”, con il nome che evoca la storia millenaria di Roma, che ormai fa parte dell’identità della città e della consuetudine di milioni di persone, che è conosciuto in tutto il mondo.

La nostra, d’intesa con le Ferrovie dello Stato, è stata una dedica, fatta in un luogo adatto a ricordare il Papa del viaggio e dell’incontro, della pace e del dialogo. Una dedica voluta dalla stessa Amministrazione che ha dato a Roma, individuandolo nel Tempietto Egizio del Verano, quel luogo per le cerimonie funebri di carattere laico che fino a poco tempo fa mancava. La stessa Amministrazione che tre anni fa ha ospitato sulla Piazza del Campidoglio i funerali dei tredici somali morti nel terribile naufragio al largo delle coste siciliane.

In questa città ci siamo sempre mossi così, per rimuovere gli steccati, quelli che discriminano chi ha un’estrazione sociale piuttosto che un’altra, così come quelli che vorrebbero separare le persone in base al colore della pelle, al paese di provenienza, alla religione, al possedere o meno una fede, all’una o all’altra idea politica.

Il ricordo e il pensiero che il 23 dicembre abbiamo dedicato a Giovanni Paolo II fanno parte di questo stesso spirito. Perché è vero: alla Stazione Termini passano e passeranno, ogni giorno, uomini e donne di ogni fede, e anche tanti che fede non hanno. Ma questa non è una controindicazione, al contrario: chiunque andrà, si troverà in un luogo che porterà con sé la memoria di un uomo che nella sua vita ha abbattuto muri e costruito ponti, che è diventato simbolo proprio dell’incontro, tra le religioni, i popoli e gli individui.

Alla Stazione Termini si recheranno quei musulmani che rimasero colpiti quando il Papa, a Casablanca, parlò di rispetto reciproco di fronte a centomila giovani e di fronte a loro baciò il Corano; quei musulmani che apprezzarono, dopo l’11 settembre, le parole di apertura e di amicizia verso la religione islamica, a scongiurare ogni rischio di un assurdo scontro di civiltà.

Alla Stazione andranno gli ebrei che portano con sé il ricordo dello storico abbraccio con Elio Toaff nella Sinagoga di Roma e anche quello del biglietto con la richiesta di perdono lasciato, dopo un lento e commovente incedere, tra le pietre antiche del muro del Pianto.

E i non credenti avranno motivi per non sentirsi in alcun modo offesi ripensando laicamente e serenamente a quante volte hanno apprezzato le parole di chi si è sempre speso contro la guerra come “avventura senza ritorno”, di chi è stato una delle poche voci autorevoli e capaci di esprimere lo sdegno verso i potenti della Terra immobili e inerti di fronte al dramma della povertà e della fame, capaci di affermare contro il principio di una globalizzazione dei mercati e delle economie senza riguardo per gli umili e per i deboli, una globalizzazione della solidarietà in grado di proteggere i diritti di ogni individuo.

Il vero obiettivo, specie in questo nostro tempo, deve essere quello di unire, quello di far crescere una comunità salda e aperta, tollerante. Per questo i simboli servono, aiutano. E Giovanni Paolo II è proprio uno di questi simboli. Lo è nel senso etimologico, nel senso di chi “mette insieme” realtà diverse, persino opposte, senza che la singolarità di nessuno venga sminuita.

E’ questo il motivo per cui credo davvero non ci sia nulla di più semplice e di più sereno della dedica che abbiamo voluto fare a Giovanni Paolo II, in un luogo che si chiama e continuerà a chiamarsi così, la Stazione Termini.
 

walter veltroni - 12 gennaio 2007
 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio