25/10/2005       chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                               parole di sindaco

VELTRONI SCRIVE A LETTA SU SITUAZIONE VITROCISET

 

Sulla situazione della Vitrociset, l’azienda i cui lavoratori in mobilità sono minacciati di licenziamento, il Sindaco Veltroni ha inviato al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta la lettera che segue.

dal Campidoglio, 25 ottobre 2005
Gentile dott. Letta,
      Le scrivo per sottolineare la situazione della Vitrociset, l’azienda che si occupa della gestione e del monitoraggio del traffico aereo, un’azienda importante per il tessuto produttivo romano e più in generale per il sistema paese.
     Siamo infatti alla vigilia di una scadenza drammatica per i 150 lavoratori, e per le loro famiglie, che sono coinvolti nella procedura di mobilità e per i quali da domani possono scattare concretamente i licenziamenti.
    Quella della Vitrociset è una vicenda, come Le è certamente noto, che si trascina da lungo tempo e che merita un deciso interessamento da parte del governo, da noi più volte sollecitato.
     Un intervento che è necessario per evitare la perdita di posti di lavoro ma anche per il valore strategico dell’attività svolta dalla Vitrociset nel garantire la sicurezza nei cieli.
     E’ il momento che il governo si faccia davvero carico della questione per individuare insieme alle forze sociali, all’azienda, ad Enav, a Finmeccanica e alle altre parti coinvolte una soluzione che consenta di salvaguardare i posti di lavoro e le alte competenze acquisite e allo stesso tempo tutelare un interesse generale fondamentale.
    Certo della sua attenzione, confidando nella sua sensibilità,
con i migliori saluti
Walter Veltroni

 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco