09.06.2006           chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


MiniposterCinema


AIG - ostelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                               parole di sindaco

La nuova Giunta

 

Questa esperienza del governo della città da parte di questa coalizione è cominciata nel '93, ha avuto un suo sviluppo, ed evidentemente uno sviluppo nell'apprezzamento e nel gradimento dei romani nel corso di queste ultime elezioni. ho visto che qualche giornale riportava le cifre, non ho bisogno di dire ma siamo partiti da -7%, siamo a + 24%, siamo partiti nel 2001 da una differenza tra i due schieramenti di 32mila voti, ora siamo a più di 300mila. Insomma si tratta evidentemente di qualcosa di molto importante. Se voi prendete -7 e +24, circa un terzo dell'elettorato nel corso di questi  5 anni, non dico si è spostato, non si tratta di spostamenti, ma ha apprezzato positivamente il nostro modo di governare. Il successo è stato il successo credo di uno stile, di un modo di governare, di una ispirazione alla quale io voglio continuare ad essere fedele cioè l'idea del governo dei cittadini e non di un governo di parte; l'idea dell'attenzione concreta ai problemi grandi ma anche ai problemi minuti della città, l'idea della priorità delle periferie e delle politiche sociali - non posso non confermare che il dato più esaltante è stato l'incremento a due cifre percentuali  in tutte le periferie della città anche perchè diciamo sono quei luoghi nei quali la vita comunitaria è più vissuta e dunque il messaggio ha in qualche misura una maggiore importanza. Da questo punto di vista io mi sono avvicinato alla definizione dell'elenco che ora sto per leggervi con questo doppio spirito: da un lato continuità dall'altro qualche elemento di innovazione. Continuità perchè ci sono tantissime cose che si sono fatte, che si sono avviate, che si stanno portando a termine ed è importante che ci sia continuità in settori di lavoro strategici perchè noi da oggi pomeriggio ricominciamo a lavorare, anzi posso dire sinceramente neanche in questi giorni abbiamo smesso di lavorare con gli assessori uscenti, anche se era una posizione un po' di limbo, per alcune delle questioni più importanti ma insomma da oggi pomeriggio, da 24 ore dal mio rientro siamo in condizione di ricominciare a lavorare ed è importante che una serie di cose che sono in realizzazione possano avere l'accelerazione necessaria per concludersi e poi ci sono anche energie, forze e idee nuove che ci sono e che possono venire dai nuovi assessori.

La prima cosa che voglio dire è la mia contentezza per avere al mio fianco Maria Pia Garavaglia, per avere al mio fianco una vicesindaco con la quale ho lavorato benissimo. Io mi sono trovato bene, anzi molto bene con Enrico Gasbarra poi con Maria Pia Garavaglia; diciamo che ho una propensione a lavorare bene con il prossimo ed evidentemente anche gli altri a lavorare bene con me; con Maria Pia abbiamo avuto un rapporto di grande serenità, di grande  lealtà, anche di grande amicizia.

E sono contento anche della composizione finale di una questione che si era aperta perchè rafforrza il carattere del sindaco e del vicesindaco come del sindaco e del vicesindaco di tutta la coalizione. E' quello a cui sia Maria Pia che io tenevamo, ragione per la quale Maria Pia decise di non candidarsi, proprio perchè voleva dare questo messaggio che credo sia il messaggio giusto. D'altra parte è stato posto legittimamente un problema di carattere  politico che adesso sfioro soltanto perchè come sapete tengo a tenere abbastanza distinte le due dimensioni, cioè la ripresa e lo sviluppo, a partire dell'esperienza del modello Roma, dell'idea, della costruzione dell'incontro fra le varie forze, culture democratiche riformiste verso l'approdo ad un soggetto unico e questo durante le discussioni che abbiamo avuto ieri con il segretario romano della Margherita e con gli altri esponenti politici oltre che con il segretario dei DS romano e con altri, abbiamo detto che questa è la strada che a Roma si vuole praticare con particolare determinazione. Il quadro, da questo punto di vista. è stato ricomposto nella maniera migliore possibile: e che sia una città che possa guardare al complesso della giunta ma alle due figure apicali con questo spirito. Per prima cosa voglio rivolgere un ringraziamento ai quattro assessori che non saranno riconfermati, Franco Cioffarelli, Giovanni Hermanin, Liliana Ferraro e Pamela Pantano; li ho ringraziati uno per uno per il loro lavoro e  ho anche detto e voglio ribadire qui, che il loro lavoro continuerà a Roma, nel senso che sono 4 persone della cui meravigliosa capacità e competenza professionalità e della cui ricchissima esperienza la città dovrà continuare a potersi avvalere e quindi lo faremo nelle forme e nei modi che concorderemo insieme ma, insomma, è una squadra che rimane tutta insieme. Quella maglietta che ho dato ai miei assessori con quella scritta, adesso posso dire che ne avevo pensato un'altra ma mi sembrava nel momento in cui in ospedale l'avevo pensata un po' eccessiva e quindi non l'abbiamo usata ma poichè abbiamo lavorato abbastanza come hanno dimostrato le mie condizioni di salute, volevo scrivergli "sono sopravvissuto alla prima Giunta Veltroni" però mi sembrava un po'  un'esagerazione perchè postulava già prima del voto che ce ne sarebbe sta una seconda, cosa che non era ovviamente scontata; però invece quella scritta "grazie per questi anni meravigliosi" corrisponde esattamente al sentimento di gratitudine credo reciproco che abbiamo e nelle telefonate molto belle che abbiamo avuto con gli assessori uscenti ci siamo esattamente confermati in questo, nello spirito di amicizia.

Io so che è difficile spiegare questo e soprattutto poterlo credere perchè la politica viene considerata sempre il territorio nel quale si consumano rancori, odi, gelosie; io posso dire di aver lavorato cinque anni con una grande serenità e anche con una grande amicizia che proprio ci ha legato uno per uno; anche quegli assessori che sono usciti prima perchè hanno cambiato lavoro come Luigi Nieri, Mario Di Carlo, Daniela Valentini, tuttavia è rimasto un legame molto molto forte.

Ora io vorrei dare l'elenco della Giunta. Non mi soffermerò sulle note biografiche di alcuni perchè li conoscete ma sui nuovi qualcosa voglio dire. Allora io vi do le responsabilità, non vi do le perimetrazioni delle deleghe precise perchè quelle le faremo nei prossimi giorni

Maria Pia Garavaglia - vive sindaco con la responsabilità del turismo

Gianni Borgna, so che questo non ve lo aspettavate, per le Politiche culturali,

Mauro Calamante per la Mobilità

Marco Causi per il Bilancio

Maria Coscia per la Scuola

Giancarlo D'Alessandro per i Lavori Pubblici,

Lia di Renzo, la prima novità, nuovo assessore all'Infanzia e la Famiglia che prende e sviluppa il grande lavoro che ha fatto Pamela Pantano nel corso di questi anni; Lisa Di Renzo è la preside della scuola Mazzini che io ho conosciuto perchè è una della scuole più impegnate nell'esperimento anche dell'intercultura, laureata in materie letterarie e poi in pedagogia, una donna molto impegnata nella vita civile, una donna di primissimo livello e io sono davvero molto  che sia nella nostra squadra

Lucio D'Ubaldo assessore al Personale e al Decentramento; ha una lunghissima esperienza nell'ANCI, ha una grande esperienza nel settore amministrativo, una grande competenza nel settore della finanza locale, penso che potrà essere u  ricchissimo contributo, ci conosciamo credo da trent'anni, siamo coetanei e mi fa molto piacere che Lucio assuma questa responsabilità

Dario Esposito, anche questa una "new entry" all'Ambiente; gli ho telefonato e gli ho detto "nonostante tutto quello che hai fato ti confermo assessore"

Mariella Gramaglia assessore alla Semplificazione

Raffaella Milano Affari Sociali

Claudio Minelli Patrimonio e Progetti speciali

Roberto Morassut Politiche urbanistiche

Dante Pomponi Periferie e Lavoro; Dante Pomponi è una persona che io stimo molto, che ho conosciuto nel corso di questi ultimi anni, è stato consigliere nel quinto Municipio, si è sempre occupato delle grandi questioni sociali a partire dalle questioni della casa e delle periferie e ha partecipato alla stesura del programma della nostra ultima campagna elettorale; persona molto saggia e però anche molto appassionata e molto motivata

Gaetano Lizzo assessore al Commercio; lo conoscete, è consigliere comunale, laureato in farmacia, vice presidente della Commissione Giubileo, membro della Commissione Ambiante, è stato presidente della Commissione urbanistica, membro della Commissione Commercio nel 93 nel suo Municipio; insomma ha una lunga esperienza amministrativa

Infine e so che questo desterà la vostra attenzione e mi fa molto piacere se la desterà, un nuovo assessorato Assessore all'università e alle politiche giovanili Jon Leonard Touadi; è una persona meravigliosa, io sono veramente orgoglioso di averlo nella mia squadra di governo, è una persona che è in Italia credo dal 1979, da più di vent'anni comunque, , ha preso una laurea in Filosofia presso l'Università Gregoriana di Roma e un master post laurea in giornalismo e comunicazione di massa presso la Luiss; oggi è docente di cultura dei paesi di lingua francese all'università degli studi di Milano pur essendo residente a Roma, è membro del consiglio di amministrazione di Unicredit, è un signore che parla 8 lingue, è una persona che è stata particolarmente impegnata nell'ideazione del programma "un mondo a colori" di Rai3; insomma è veramente una presenza molto bella e penso che come me rimarrete molto affascinati dalla personalità di Jon Leonard; per chi ha visto il film sul nostro viaggio in Rwanda, è la persona intervistata. Mi fa piacere che Roma sia la prima grande città italiana nella quale succede una cosa così che si può dire in questo modo: uno dei nuovi romani, una delle persone venute in questa città, una persona che in questa città ha studiato, ha faticato, si è fatta apprezzare e conoscere, una persona che non ha cessato di avere passione civile e impegno diventa assessore. E' stato candidato nella lista civica per Veltroni e ora gli ho chiesto di fare questa esperienza

Questa è la Giunta.

 

Voglio fare una aggiunta alla giunta e cioè che io nomino mio portavoce con la delega per seguire i rapporti col consiglio comunale e con le altre istituzioni Silvio Di Francia che parteciperà a tutte le riunioni di giunta e quindi sarà un membro della Giunta stessa anche se non in termini di voto; Silvio Di Francia è una persona che tutti voi conoscete, che ha la mia massima stima, considerazione, affetto personale, gratitudine per il lavoro fatto e che potrà in questo lavoro sia direttamente in rapporto quotidiano con me, sia nel rapporto con il Consiglio Comunale e con le istituzioni potrà svolgere una funzione molto importante.

Voglio solo aggiungere questo: che evidentemente non si sono potute rappresentare in Giunta tutte le sensibilità presenti nel Consiglio Comunale perchè sarebbe stato matematicamente impossibile, ma la raccomandazione che rivolgerò alle forze politiche e ai gruppi consiliari sarà di prendere in considerazione nell'assetto dei posti di responsabilità che ci sarà, in primo luogo la lista Moderati per Veltroni che ha avuto un successo elettorale importante e che credo possa svolgere una funzione nella guida delle istituzioni particolarmente rilevante e poi di tenere in considerazione le tre liste della Rosa nel pugno, Italia dei valori e quella dei Partito dei Comunisti Italiani. Non mancherà la possibilità di valorizzare tutte queste energia, c'è  una squadra di governo larga da fare quindi non ci saranno ragioni per cui non vi potrà essere la massima valorizzazione di tutte le culture che io considero una ricchezza, ci tengo a dirlo, tutte le culture che costituiscono la coalizione sono una ricchezza per la vita amministrativa, politica e culturale e civile della città.

Voglio ringraziare tutte le forze con le quali mi sono consultato nel corso di questi giorni e dire che considero questo risultato molto positivo che al tempo stesso ha dentro di se la continuità e un profilo di innovazione che è coerente con l'ispirazione di questi anni

 

Walter Veltroni - 8 giugno 2006

 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco