scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

venerdì 27 gennaio 2012

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                     antichi sapori

Le patate al forno

Sono sicura che qualcuno sta dicendo: e che ci vuole a fare le patate al forno? Si tagliano in pezzettoni, si mettono nella teglia con olio e sale, forse rosmarino, si scaraventano in forno e si aspetta che siano cotte.

Certo.

Ma io ho scoperto un trucco che le rende buonissime, croccanti fuori e morbide dentro e poichè sono per la condivisione (anche se non mi riesce di usare quella c.. carina piattaforma di google...), il trucco lo rivelo subito.

 

Accendere il forno in modo che quando le patate saranno pronte, avrà raggiunto i 180/200 gradi.

Sbucciare le patate e tagliarle in pezzettoni.

Ec ecco il trucco: lasciarle in acqua fredda per un'ora. Perderanno l'amido e questo le renderà, appunto, croccanti fuori e morbide dentro. Qualcuno suggerisce, allo stesso fine, di sciacquarle ripetutamente fino a quando l'acqua non sia limpida. Sottolineo, in questo caso, lo spreco di acqua che non va bene, no no. Lo stesso risultato si ottiene sbollentando le patate già tagliate per due/tre minuti: più veloce e spessa riflessione a proposito del consumo di energia. A me in cucina piace avere tempo e le lascio semplicemente in acqua.

 

A questo punto, dopo un'oretta, ungeremo generosamente un tegame da forno, ci metteremo dentro le patate aggiungendo una spolveratina di rosmarino. E via in forno per una ventina di minuti; dopodichè le mescoleremo per una cottura più uniforme e altri venti minuti.

E il sale? Il sale solo pochi minuti prima di tirarle via dal forno, a cottura già ultimata.

A proposito della cottura: il tempo varia a seconda del tipo di patata, come ci siamo già accorti a proposito della quantità della patata lessa (e relativo contenuto di acqua a proposito degli sgonfiotti o dei krapfen, tocca "provare, provare, provare...." Assaggiatele dopo una mezzoretta e saprete con che patata avete a che fare-

 

La ricetta vorrebbe due spicchi d'aglio ma a me il sapore dell'aglio cotto non piace troppo e lo aggiungo solo all'ultimo minuto col sale,

A volte aggiungo una cipolla tagliata in striscioline sottili e allora, giuro, è proprio tutto profumo senza arrosto.

 

Buon appetito.

 

angela :)


accade a Roma


percorsi

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema