scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

mercoledì 03 marzo 2010

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                             la città del cinema

Principesse di cartone
Da Biancaneve a Tiana, dal 1936 al 2010: come sono cambiate, insieme al mondo, le principesse della Disney


Biancaneve, Cenerentola, Alice, La bella addormentata, La sirenetta Ariel, La bella e la bestia, Pocahontas, Mulan, Kida di Atlantis, Lilo e Stich, Tiana la principessa e il ranocchio.

Tutte le bambine (e tutte le donne) forse sognano di essere principesse, di esserlo veramente perché altrettanto veramente lo sono per chi le ama, non c’è bambina che non sia la principessina per il suo papà, non c’è donna che non sia la principessa per l’uomo che l’ama: e infatti Benigni in “La vita è bella” saluta Dora con il magnifico “buongiorno principessa!” E tutte le principesse da sempre sognano il proprio principe rigorosamente azzurro.
Il cartoon, come le fiabe, è sempre stato intrattenimento, sogno ma anche occasione di metafora e di insegnamento. Ed è stato anche segno dei tempi, basta pensare alla differenza fra la principessa che più principessa non si può, Biancaneve – anno di produzione 1936 (prima ancora di Via col Vento) e Tiana, la protagonista nera dell’ultimo Disney che da principessa è solo travestita per Carnevale ed è evidente l’influenza che ha avuto sul cartoon l’elezione del primo presidente nero degli Stati Uniti.
Principesse di cartone è un percorso fra le principesse che la Disney ha disegnato per vedere come con i tempi sono cambiate le principesse, simbolo di tutte le donne.
E quindi parleremo delle tre principesse casalinghe per costrizione (Biancaneve, Cenerentola e Aurora la bella addormentata), alla curiosa “principessina” Alice, alla principesse Ariel, Belle e Pocahontas innamorate del diverso, alle principesse guerriere Mulan e Kida, alla piccola Stich, per arrivare alla bella Tiana.
E’ un percorso destinato ai piccoli, certamente, ma destinato soprattutto alle grandi, come un seminario di aggiornamento che possa dare spunti e suggerimenti per le chiacchiere che le grandi faranno nel futuro con le piccole. Invitati anche i maschietti, piccoli e grandi.

La Scatola Chiara

regia di Angela Cannizzaro

 

Principesse di cartone è nell'ambito delle iniziative organizzate dal Municipio IX - Comune di Roma per l'8 marzo 2010

vai al programma completo


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

fuori porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zetema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema