14/11/2005       chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                   accade a Roma

Servizi pubblici: la relazione annuale

Un po' di cifre per dare subito l'idea chiara della dimensione

Nell'ultimo anno sono stati trasportati un miliardo e duecento milioni di passeggeri, una cifra che corrisponde quasi all'intera popolazione della Cina; sono stati erogati 1.200 milioni di metri cubi di gas naturale che equivalgono a 46.000 volte il volume del Colosseo; sono stati spazzati 290.000 chilometri lineari di strade, sette volte il giro della terra: sono stati smaltiti un miliardo e seicentocinquanta milioni di tonnellate di rifiuti, pari a un grattacielo del perimetro di un campo di calcio e alto 850 metri; ci sono 150.000 lampade di pubblica illuminazione e sono stati erogati 300 litri d'acqua al giorno per abitante.

Gira la testa?

D'altra parte Roma, lo abbiamo detto altre volte, ha un perimetro dentro cui entrano le 8 città più grandi d'Italia (Milano compresa) e oltre ai suoi abitanti ospita ogni giorno decine di migliaia di persone che a Roma arrivano per i motivi più svariati e non vi risiedono.

Una città gigantesca impegnata, come le altre, ricorda il Sindaco,  a compensare le diseguaglianze sociali che si vanno via scavando sempre di più. Perchè se anni fa il ceto medio poteva guardare in alto pensando che la cima del palo poteva essere raggiunta, adesso sente di essere trascinato verso il basso. Se ci sono adulti che possono dire di essere stati assunti, all'epoca, a vent'anni, adesso non c'è nessun ventenne che abbia un contratto a tempo indeterminato. Se per la generazione degli attuali 40/50enni, il problema era di trovare un lavoro e poi la vita sarebbe andata secondo lo schema certo della famiglia, dell'acquisto della casa, della pensione, adesso questa certezza, questa serenità non è data. Si possono ridurre i consumi di vestiti, continua Veltroni, e non è bene comunque per l'economia, ma non si può ridurre il bisogno della casa.

Davanti a questo, Roma, sempre secondo Veltroni, è impegnata a smantellare il sistema sociale fatto di spietatezza che stiamo purtroppo importando dagli Stati Uniti, cioè bisogna impegnare maggiori risorse nelle politiche sociali.

I dati di Roma sono positivi. Per esempio il costo dell'abbonamento annuo ATAC è rimasto a 230 €  contro i 270 € di Bologna, i 300 € di Milano, i 490 € di Parigi. Va ricordato, a proposito, che da dicembre, in accordo con la Regione Lazio e in riferimento alla legge regionale, i mezzi pubblici saranno gratuiti per ultresettantenni e disabili.

Parlando di famiglie e di bambini, al 2006 ci saranno negli asili nido 6000 posti in più rispetto al 2001.

Ma sempre a proposito di scuole interessante l'altro rapporto presentato stamattina: lo studio del UK Economic and Social Research Council che ha voluto studiare il sistema delle mensa scolastiche a Roma giungendo alla conclusione che si tratta di una "rivoluzione qualità". Nelle mense si mangia biologico, si acquistano prodotti nel circuito del commercio equosolidale, si differenziano i cibi pensando ai bambini allergici, ai vegetariani, alle necessità religiose; ci sono piatti regionali e tutto quello che non viene consumato viene regalato alle mense per i poveri della città, i resti mandato ai canili e alle colonie di gatti.

In Europa  è giudicato un modello di eccellenza.

Non è una meraviglia?

 J

 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita