scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

22.09.2006 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                          soggettive

Maestro Rendhell: quanta magia!

 

Nella riproduzione dell'opera con cui abbiamo annunciato questa mostra c'erano tanti angioletti con le ali che sembravano fiocchi e avevo capito che mi sarebbe piaciuta.

Sono opere piene di colore... e fin qua sarebbe facile.

Ma in queste opere ci sono due personaggi forti, sempre presenti, che sembrano usciti da una fiaba o che forse in una fiaba ci porteranno.

Il primo che ho visto è l'uomo col cappello, l'uomo alto e nero, sottile tanto da sembrare un semplice segno. E invece c'è dappertutto, come un guardiano. A volte è uno a volte è tanti. Tanti uomini sottili con il cappello.

E poi c'è sempre una bambina, lei è una sola, come dice anche il maestro: la bambina è sempre una sola.

Opere "tese" queste di Rendhell, opere che solo ad un primo approccio sono semplicemente gioiose. Una bambina, un papà Gambalunga...

Appena appena sotto la superficie dell'immagine, si comincia a vedere che la bambina sta andando da qualche parte, è in viaggio verso una sua trasformazione che, in quanto tale, non è indolore. E allora l'uomo nero col cappello comincia a mettere un filo d'ansia. Chi è, "cosa" è,  mi posso fidare di quelle lunghe gambe che possono correre sul tempo e sullo spazio o devo essere attenta e meno ingenua?

Quanta magia!

E quanta magia stasera. Una giornalista che conosco da mesi e che non sapevo fosse la figlia del maestro...

Un vicino di casa che conosco da anni e che non sapevo fosse un allievo e un amico del maestro...

Un collega di lavoro che mi parla di un giovane che conosco bene perchè è l'amico romano della mia amica veneziana...

Magia di Roma, certamente, che è tanto grande e tanto piccola, ma stasera troppe coincidenze, troppi intrecci di persone per essere solo Roma. Deve essere la bambina con quel fiocco che sembra diventare le ali di un angioletto a fare tutto questo. O forse è l'uomo col cappello che sembra un mago ...

 

“Rendhell, il pittore dell’ombra”
dove: Margutta Arcade - Via Margutta 3
periodo:  22 settembre – 6 ottobre 2006
orari: 11.00-19.30 dal martedì alla domenica - chiuso il lunedì
Ingresso gratuito
Info
: 06 32111271 – 06 36006244 – Cell. 335 7407204
 

 

angela :)

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio