scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

venerdė 12 novembre 2010

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                     antichi sapori

La ribollita č una zuppa tradizionale fiorentina a base di cavolo nero, pane toscano raffermo, fagioli cannellini ed olio "quello bono" extravergine di oliva.
Č un piatto talmente riuscito e conosciuto, che in esso si identifica non solo Firenze, ma tutta la Toscana.
Il nome e gli ingredienti utilizzati fanno capire che ci troviamo di fronte ad un piatto di recupero, come lo sono molti piatti della cucina povera della campagna toscana, dove "non si buttava via niente".
Il minestrone di verdure avanzato veniva "ribollito" nei giorni successivi ed irrobustito con l'aggiunta di pane, fagioli (ha ragion d'essere la cantilena popolare "fiorentin mangia fagioli, lecca piatti e ramaioli"), cipolla e cavolo nero.
Un passaggio al fuoco o al forno per "ribollirlo" piano-piano, ma abbastanza a lungo da far formare una lievissima crosticina; una carezza d'olio appena franto; una spolverata di pepe ed eccoci: una bontā.
Il massimo č mangiarla insieme ad un cipollotto fresco: un morso al cipollotto ed una cucchiaiata di ribollita. Si sogna.  Obbligate i vostri commensali a fare lo stesso: non vi sentirete isolati nel dopo cena e li farete felici.
Se vi sembra poco elegante addentare una cipolla, tagliatela a strisce o a rondelle finissime da spargere sulla zuppa.

N.B. Il cavolo utilizzato per la preparazione č quello nero riccio di Toscana (detto anche "braschetta") prodotto da ottobre a marzo, soprattutto nelle provincie di Firenze ed Arezzo. Chi utilizza il cavolo verza va preso a pannocchiate nella testa!

Come si fa
- pane toscano raffermo  (tipo casalingo, cotto a legna)
- fagioli cannellini lessati
- cavolo nero riccio di Toscana
- bietola
- patate
- carote
- sedano
- zucchine
- porro
- cipolla
- poca passata di pomodoro
- olio extravergine di oliva
- pepolino
- pepe nero
- sale
- brodo vegetale

Prima di tutto occorre passare metā dei cannellini lessati al passaverdure, diluendo la purea con la loro acqua di cottura.
Preparare poi un soffritto con cipolla e porro in abbondante olio (utilizzare una pentola capiente a bordi alti) e, quando le verdure si saranno imbiondite, coprirle con poca passata di pomodoro; lasciare insaporire per qualche minuto e aggiungere quindi cavolo nero, patate, sedano, carote, zucchine, il tutto tagliato grossolanamente e lasciare stufare dolcemente, con un po' di brodo.
Coprire e far sobbollire per almeno un'ora.
Versare i fagioli cotti, sia quelli interi che quelli passati: questo facilita l'addensarsi della zuppa.
Prima del termine aggiungere il pepolino, il pepe nero, il sale e due o tre cucchiai di passata di pomodoro. Portare a fine cottura.

Per completare il piatto, disporre delle fette di pane in una zuppiera alternandole con mestoli di zuppa, fino ad assorbire bene tutto il pane. Far riposare per un giorno intero.

Per poterla gustare, togliere dal tegame la quantitā desiderata e metterla nuovamente a riscaldare, o meglio a 'ribollire', come abbiamo visto sopra.

Accarezzarla con un filo d'olio e pepe, mettere nella mano destra il cucchiaio, nella sinistra un cipollotto e via.

Buon appetito!
 


accade a Roma


soggettive

la cittā futura

c'era una volta

cittā del cinema

fuori porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zetema

Upter

Cittā del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittā

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema