29.06.2006           chi siamo scrivici

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                accade a Roma

Roma Europa Festival  2006

Cinque sezioni trasversali a tutto il programma: Arte e Tecnologia, Vecchie Storie e Nuovi Sguardi, Orienti, Trasformazioni, Nightline. Dal 29 settembre al 9 dicembre 39 spettacoli di cui 30 in prima nazionale con oltre 200 artisti provenienti da tutto i mondo.

 

Apre il Festival la mostra-installazione Sensi Sotto Sopra che occuperà tutti gli spazi del Teatro Palladium in collaborazione con l'Università Roma3.

RomaEuropa è alla XXI edizione e mantiene le sue caratteristiche peculiari: dialogo europeo con tutte le civiltà (presente quest'anno la Cina)

Il rapporto e la contaminazione tra modernità e passato (un esempio per tutti lo spettacolo in cui Alessandro Baricco incontra Moby Dick di Melville).

 

Veltroni pone l'accento sulle caratteristiche di RomaEuropa: trasversalità dei linguaggi (non solo cinema, non solo danza, mai solo musica), modernità, contaminazione costante tra presente e passato. In poche parole: "sperimentazione, ricerca e innovazione dove ci si rende conto che in Italia a volte è difficile pensare che si sia fatto qualcosa di bello dopo Caravaggio. Tuttavia la creatività non finisce mai e non c'è un tempo nella storia in cui i contemporanei non abbiano giudicato gli artisti quanto meno stravaganti. Non bisogna aver paura dei cambiamenti, di linguaggi, di talenti di culture nuove altrimenti si diventa conservatori.La forza di Roma sta nella sua doppia dimensione tra antico e futuro, essere tra Foro Romano e linguaggi contemporanei come questi proposti del RomeEuropaFestival".

 

Da due anni il RomaEuropaFestival si tiene dopo l'estate; è diventato cioè, una sorta di festival d'autunno in una Roma che è viva tutto l'anno e non soltanto in estate e che  si conferma ormai città attenta che risponde all'offerta culturale. Borgna racconta di un considerazione fatta con Renato Nicolini che, agli albori del suo Assessorato alla cultura, ricorda che si facevano iniziative del tutto nuove che avevano a volte dieci spettatori. Decisamente altri tempi. Considerato, ad esempio, che all'apertura del recente Festival della filosofia, ad un dibattito molto specialistico con Paolo Flores D'Arcais e Giacomo Marramao, non si riusciva ad entrare in sala Sinopoli (1200 posti)

 

Ma più delle parole parlano le immagini scelte per questa edizione:

01 - 02 - 03 - 04

Sono cartoline, uffa, mi manca quella con Castel S. Angelo!!!

 

info: www.romaeuropa.net  

J


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio