22.04.2006      chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


MiniposterCinema


AIG - ostelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                            soggettive

Roma in bici

Non sono stato un ciclista precocissimo. La mia prima esperienza con ruote e pedali è avvenuta a 13 anni su una strada del sud pontino, e definirla strada è già un grande favore: era in brecciolino e cemento, piena di buche, stretta al punto che ci passava a malapena un'autovettura e contornata, da un lato, dalle prime propaggini piene di rovi di un colle, e dall'altro, da un ruscello che scorreva un paio di metri più in basso. Un posto tutt'altro che ideale per uno che non era mai andato in bicicletta. Ma, si sa, in condizioni del genere o si impara ad usarla o si rinuncia definitivamente. Ed io ho imparato non solo a dominare la “due pistoni”, come sono solita definirla (un pistone è la gamba sinistra, l'altro la gamba destra), ma anche ad amarla.
Così, nel 1996, nonostante pareri molto contrari in famiglia, ho deciso di trasportare la mia bici a Roma e cominciare ad usarla “a mo' di motorino”, ovvero per le strade cittadine in mezzo al traffico. Oggi sono passati dieci anni e circa 7000 km percorsi tra le mura dell'Urbe con piena soddisfazione e qualche apprensione. Ricordo che la seconda volta che ho preso la bici a Roma, poco lontano da casa mia, un automobilista mi ha aperto lo sportello mentre passavo. Ho fatto appena in tempo a fermarmi addosso allo sportello stesso senza cadere né danneggiarlo, ma lo spavento è stato enorme.
Come pure quella volta, era il luglio del 1997, una macchina, effettuando una manovra illegale, mi tagliò la strada all'inizio della Colombo. Risultato: non potei frenare in tempo e mi schiantai contro la vettura. Alla macchina solo una piccola bugna, alla mia bici la forcella anteriore rientrata, a me.... lo spavento di rotolare sul cofano anteriore della vettura e scendere sui miei piedi dall'altra parte senza null'altro che una leggera contusione ad una spalla. Da quel giorno, tuttavia, una decisione sempre rispettata: mai più senza casco! Suggerimento che, a mio modesto parere, dovrebbe diventare obbligatorio per tutti.
O, infine, l'8 Febbraio 2004, primo giorno di blocco assoluto del traffico. Non prevedevo di uscire in bici, ma la tentazione di vedere Roma a misura di pedone fu troppo grossa. La strada era umida e, 400 metri da casa mia, dopo una discesa, andai a frenare prima di uno stop. La ruota davanti frenò sull'asfalto, quella dietro sulla maledetta vernice delle strisce pedonali: risultato, persi di colpo il posteriore e finii per terra a 30km/h. Il mio omero destro non gradì e si fratturò. Quarantacinque giorni dopo, tuttavia, alla fisioterapia ci andavo in sella alla mia fida bicicletta da corsa di marca Esperia...
Ce ne sarebbero infinite altre di storie da raccontare in questi dieci anni passati in bici, ma voglio concentrarmi solo sull'ultima “avventura”.
In questi anni, poco alla volta, Roma si è dotata di piste ciclabili e sistemi di trasporto per le biciclette (treni e metro: iniziativa più che lodevole: quando lavoravo al CNR di Montelibretti avrei fatto carte false per poter caricare la mia bici sul treno!). Una delle ultime piste inaugurate è stata la congiungente tra la Porta Portese – Settecamini (meravigliosa!) e la Ponte Milvio – Castel Giubileo lungo gli argini del Tevere.
Dato che la prima l'ho percorsa tante volte e la congiungente l'avevo tentata insieme alla nostra amica Angela parecchi anni fa quando gli argini erano solo un luogo in cui passeggiare a piedi con estrema cautela, un paio di settimane fa ho deciso di partire dal nuovo tratto e raggiungere Castel Giubileo. Compresa la strada necessaria per raggiungere la ciclabile, quella mattina domenicale ho pedalato per una sessantina abbondante di chilometri...
Devo dire che sono rimasto positivamente colpito dagli scivoli che sono stati installati sulle scalinate del lungotevere per raggiungere la ciclabile, nonché dell'eliminazione delle griglie che spesso ci avevano costretto a scendere e percorrere a piedi il tratto perché le ruote sarebbero sprofondate. In compenso, ma immagino che prima o poi verrà posto rimedio, le buche sono ancora presenti ed i sanpietrini estremamente distanti l'uno dall'altro, soprattutto nel tratto di fronte al Ministero della Marina. Ciò, per chi ha una bici da corsa come me, porta a gravi rischi di foratura, peraltro puntualmente verificatasi durante la giornata di cui sto parlando.
Superata la parte a rischio, dove una volta ci si doveva fermare perché l'argine era dominato dalle erbe, un rivestimento in pietra permette una pedalata molto più agevole, fino alla risalita in superficie, attuata tramite una rampa che, per un adoratore degli scatti in montagna, è una vera manna (è altresì vero che il pedalatore della domenica di fronte a quel “muro” degno del Giro delle Fiandre scende e lo percorre a piedi...). Per un certo tratto si cammina sulla parte interna del marciapiede del lungotevere su un percorso che, a parte qualche immancabile radice che solleva il manto, è facile è scorrevole. Al semaforo si “volta a mano destra” come dicono nell'equitazione e si ritorna su una parte dominato da ciclisti e podisti che porta, con un paesaggio già molto bello, alla salita di Ponte Milvio. Da lì, dopo la fontanella (molto utile per rabboccare le borracce), si parte verso la ciclabile di Castel Giubileo.
Tredici chilometri e mezzo di vera pista in simil tartan, scorrevole, larga (transitano tranquillamente tre bici affiancate), protetta (purtroppo sono necessarie sbarre, strettoie e quant'altro per evitare che motorini ed altro violino il nostro regno), con anche svariate panchine sotto dei pergolati per coloro che non ce la fanno più e necessitano un po' di riposo; in una parola: un vero paradiso. Anche il fatto di essere sopraelevati rispetto alle campagne circostanti dà un punto in più alla bellezza della pedalata. Il paesaggio è per grandi tratti bucolico, con il fiume da un lato e campagne dall'altro. Solo ogni tanto ci si ricorda di essere in città. Arrivati a Castel Giubileo, con una splendida scritta “BAR” che sembra il premio per i coraggiosi ciclisti, podisti e pattinatori che affollano la pista.
Il rientro è altrettanto bello: si può passeggiare, correre, trovare qualcuno con cui fare gruppo; in una parola vivere una sana giornata all'aria aperta.
Altre piste sono state progettate ed inaugurate in tutta Roma. Una città civile e vivibile è anche una città che si rende conto che la bicicletta è un mezzo di trasporto competitivo almeno sulle brevi distanze cittadine. Insegnare alla popolazione questa verità prima tramite le piste ciclabili e, poi, permettere loro di sfidare il traffico una volta certi dei propri mezzi è un modo molto intelligente per rendere Roma ancora più bella.

Flavio
 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco