18/12/2005      chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


MiniposterCinema


AIG - ostelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                            soggettive

Salviamo i monumenti di Roma !

Martedì scorso, dopo aver aperto i giornali, ho avuto un momento di grave sconcerto. A tutta pagina le prime notizie erano che la Domus Aurea chiude per le gravi infiltrazioni di acqua piovana, che l’Acquedotto Felice si sta sbriciolando a causa dello smog, che vi è una situazione di grave crisi per le parti alte delle Terme di Caracalla e per le Terme di Diocleziano, che i numerosi monumenti di Via Appia Antica necessitano di consolidamento. Senza dimenticare che qualche mese fa vi era stato un crollo al Palatino ed ancora indietro nel tempo vi era stato un altro crollo nelle Mura Aureliane all’altezza di Porta San Sebastiano per cui risultava la necessità d’intervenire alla svelta sui 17 km che misurano complessivamente le mura. Sembrava più un reportage di guerra, magari da un punto più infuocato dell’Iraq, invece siamo a Roma. La Sovrintendenza ha lanciato un grave grido di allarme, anche il Colosseo sembra che non sia in grado di reggere molti anni ancora se non si interviene rapidamente. Io, da romano vero che ha a cuore la propria città, senza voler ricercare colpe o responsabilità, provo un’amarezza ed una indignazione indicibile.
Stiamo parlando dei segni di una civiltà luminosissima giunta a noi ed invidiata dal mondo. I nostri padri Romani hanno dato origine, con la loro civiltà e cultura, a tutto ciò che di grande vi è in molti campi dalle leggi alle costruzioni. Prima che capitelli, mosaici e sculture ci hanno lasciato un enorme patrimonio di costruzioni con le loro tecniche che durano nel tempo ed alcune di capacità superiore a quelle che utilizzano gli attuali ingegneri ed architetti. Gli acquedotti geniali ove si lavorava solo sulle pendenze, non essendovi allora motori, la maestosità delle volte delle Terme, ed il Colosseo, come avranno fatto ad erigere tali monumenti per cui ora noi rimaniamo sbalorditi nell’ammirarne l’ingegnosità di esecuzione. Certo a quell’epoca non vi era lo smog e tutto il resto che la civiltà moderna ha portato di negativo. Poi vennero i barbari e, come si dice a Roma….i Barberini, intendendo con tale modo di dire, il saccheggio che si fece delle costruzioni romane per prelevare parti pregiate per nuovi modelli di opere. Ora ci siamo noi. E’ un dovere, credo, conservare questo patrimonio immenso testimonianza di cultura e di civiltà.
Vorrei, se ne fossi capace, invitare ad impegnarci in una forma di solidarietà, tipo Telethon, ma per aiutare i nostri poveri monumenti ignorati nelle necessità di restauro e mantenimento ma esaltati invece come calamita per il turismo internazionale. Fortunatamente a livello cittadino, nell’opinione pubblica, nella stampa e negli amministratori, vi è una spinta alla denuncia ed alla richiesta di interventi perché quello di cui parliamo è un patrimonio, anche di noi romani, ma principalmente del mondo intero come espressione di origine della civiltà.
massimo giacomozzi

 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco