27/01/2006      chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


MiniposterCinema


AIG - ostelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                        la città futura

Il Museo della Shoah sarà a Villa Torlonia

Non poteva esserci luogo più simbolico di questa villa che è stata la residenza di Mussolini, una specie di scelta tra la catarsi, l'esorcismo e la voglia di esserci perchè l'orrore delle leggi razziali e delle deportazioni non torni mai più.

Ma c'è anche un'altro simbolo, positivo: Nel sottosuolo di Villa Torlonia ci sono le più antiche catacombe ebraiche di Roma. Saranno restaurate con un finanziamento dell'Unione delle Comunità Ebraiche mentre il Museo della Shoah sarà finanziato interamente dal Comune. E non sarà, quasi certamente, soltanto un Museo romano, avrà probabilmente una risonanza e una ricaduta nazionale. Non soltanto perchè la comunità ebraica di Roma è la più numerosa e non soltanto perchè Roma è la capitale del nostro paese. Racconta Amos Luzzatto che nel 1943 molti ebrei da tutta Italia erano venuti a Roma, cercando di raggiungere il fronte dell'avanzata alleata, sperando di salvarsi. Per molti di loro non fu così: vennero rastrellati il 16 ottobre insieme a molti ebrei romani.

 

Abbiamo visto il progetto e visto il video: sulla superficie i nomi di tutti gli ebrei romani che furono deportati.

Il percorso comincia volutamente dalla fine: si entra in una camera a gas per passare poi alla ricostruzione di un perchè impossibile: l'avvento del fascismo, l'avvento del nazismo, i campi, la razzia del ghetto di Roma, lo sterminio. Alla fine un plastico del campo di sterminio di Birkenau dove vennero uccisi la maggior parte degli ebrei romani.

Quattro livelli: due con esposizioni installazioni multimediali permanenti, gli altri due destinati alla ricerca, a laboratorio, a mostre temporanee.

 

Alla fine del video una sola considerazione: è tutta la vita che vedo film e documenti sulla Shoah, molti dei documenti sul video di stamattina chissà quante volte li ho visti.  Eppure non smetto di provare dolore. Orrore. Silenzio.

 

 

 

Il Museo sarà realizzato in due anni e mezzo. Si farà di tutto perchè sia inaugurato il 16 ottobre del 2008.

 

angela

 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco