scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

03.02.2007 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                       soggettive

 

Sindaci a Roma - il governo della capitale dal dopoguerra ad oggi

un libro di Grazia Pagnotta

 

Ho fatto bene ad andare alla presentazione di questo libro (peraltro uscito giÓ da qualche tempo) e a correre da Rinascita ad acquistare l'ultima copia rimasta, quella in vetrina (appello all'editore Donzelli dai librai: ha mandato poche copie, come facciamo? Appello all'editore Donzelli da parte dei giornalisti: non crede che sarebbe stato carino rendere disponibile qualche copia, io l'ho comprato volentieri ma...).

 

Ho fatto bene perchŔ Grazia Pagnotta scrive un testo, unico nel suo genere, che Ŕ un viaggio nel governo della cittÓ, un excursus che da una parte rinfresca il ricordo, dall'altra approfondisce la conoscenza di alcune tappe della storia cittadina e dall'altra ancora fa luce su alcuni periodi che sono rimasti in ombra.

Faccio il mio esempio personale: per una serie di motivi, sicuramente legati all'adesione politica, dei sindaci di Roma dagli anni 70 ad oggi, ricordo Argan e Petroselli. Poi il buio. Poi Rutelli e Veltroni che sono cronaca.

E il buio in mezzo che copre un periodo che va dal 1985 al 1993, otto anni e tre sindaci, ho scoperto grazie a questo libro, che non Ŕ affatto casuale.

 

Gli anni dal dopoguerra agli anni '60 vedono il governo di una DC fortemente legata alla rendita fondiaria vaticana. L'esempio calzante Ŕ il tracciato dell'Olimpica che valorizza enormemente le proprietÓ che su di essa affacciano.

Sono gli anni del Piano Regolatore Generale, gli anni dello smantellamento della rete tranviaria, in linea con le politiche nazionali di incentivo al trasporto su gomma e all'automobile. Ma anche gli anni delle ultime grandi opere di architettura, legate alle Olimpiadi del 1960.

 

Dal 1962 al 1976 Roma Ŕ governata dal centro-sinistra per arrivare agli anni del governo della sinistra con il sindaco professore Giulio Carlo Argan  e il sindaco comunista Luigi Petroselli che finisce prematuramente il suo mandato nel 1981.

Sono gli anni di Renato Nicolini che inventa un modello. quello dell'effimero e dell'estate romana, il primo momento in cui si ricuce la cittÓ della periferia con quella del centro, dove i giovani dei quartieri possono venire nel cuore della cittÓ a fruire di iniziative culturali prima appannaggio di pochi, dove si offre motivo ai cittadini di rispondere al clima di paura degli anni di piombo.

 

Nell'85 la sinistra viene battuta. Una delle analisi vuole che di tutto il governo della cittÓ, solo Renato Nicolini sia l'elemento di modernitÓ a fronte di una giunta e di un partito, il PCI, che non era riuscito a rinnovarsi nonostante Petroselli avesse avuto una grande capacitÓ "narrativa" della cittÓ, che in parte prima Rutelli, il sindaco in motorino, poi Veltroni ha ereditato e portato avanti.

Un episodio: a seguito di un grave fatto di degrado accaduto a Pietralata, la mattina dopo, Petroselli arriv˛ in testa alle ruspe che demolirono il fatiscente borghetto dando il via alla politica di risanamento di altre aree di abusive di Roma.

Il tema della borgata d'altra parte Ŕ centrale per la storia di Roma giÓ dagli anni della guerra; come testimoniano SasÓ Bentivegna e Carla Capponi, la resistenza avviene in borgata; Carla Capponi, ragazza di buona famiglia del centro di Roma, negli anni della lotta partigiana scopre come si vive in borgata e da consigliere comunale, porterÓ al Campidoglio le donne di Tor Pignattara e di Borgata Gordiani negli anni della lotta per la casa.

 

Gli anni 80 sono caratterizzati da forti spinte disgregative  e l'inizio degli anni 90 vede Roma al punto pi¨ basso della sua autoreferenzalitÓ; sono gli anni di "Roma ladrona" tanto per ricordare, anni di segno negativo nel rapporto tra la capitale e il paese

Sono gli anni di una CD che oscilla fra tecnocrazia pubblica e clientelarismo populista le cui tracce si trovano nelle due grandi aziende comunali: Acea e ATAC. Gli anni di Sbardella, Giubilo, Rebecchini, Signorello, gli anni in cui si risolvono in operetta i lavori per i mondiali di calcio del 1990 che avrebbero voluto ripercorrere i fasti delle opere pubbliche realizzate nel 60 per le olimpiadi.

 

E si arriva agli anni di Rutelli e Veltroni, quelli in cui Roma vede grandi trasformazioni che erano necessarie da anni. Nasce finalmente l'auditorium: il vecchio auditorium al Mausoleo di Augusto era stato demolito nel 1936 e da allora il Santa Cecilia non aveva pi¨ una casa. Con la prima giunta Veltroni viene approvato il Nuovo Piano Regolatore dopo 44 anni, l'ultimo era stato quello del 1962, peraltro non approvato dal Consiglio Comunale ma da un commissario. Per avere una approvazione dal Consiglio bisogna risalire al sindaco Nathan.

 

Questa ultima parte del libro relativa agli anni di Veltroni, Grazia Pagnotta l'ha scritta con molte resistenze, perchŔ Ŕ senza dubbio difficile giudicare fatti della contemporaneitÓ senza cadere semplicemente, io credo, nella condivisione o non condivisione politica.

Nel complesso il libro cerca di individuare la "cifra" che ogni sindaco ha voluto dare al suo mandato.

Veltroni vuole essere il sindaco della "comunitÓ", termine forse non esatto, dato che Roma Ŕ una cittÓ dove coesistono 140 etnie e quindi molte comunitÓ. Ma il termine da il senso della sua capacitÓ di essere, come accennato prima, un "narratore", di saper raccontare, per esempio con i viaggi in Africa o ad Auschwitz insieme ai ragazzi delle suole, la cittÓ e il suo governo.

 

angela cannizzaro :)


accade a Roma


soggettive

la cittÓ futura

c'era una volta

cittÓ del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

ZŔtema

Upter

CittÓ del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

CinecittÓ

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio