scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

12.03.2007 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                          soggettive

I sonetti romaneschi di Anna Ubaldi dedicati alle donne dell’otto marzo
 

 

 

 

 


Me corcava de botte


Ma quanto che ce sformo nun se sa
abbasta che rivedo quer portone
le mano me cominceno a sudà
e er petto me se sgara de passione.

Nunziata mia, ma come posso fa
pe’ scordamme quell’omo menaccione
morìammazzato a lui e ‘ndove sta,
lo mozzichi de brutto ‘no scorpione!

Me corcava de botte a tutte l’ore,
pe’ sarvamme corevo sotto ar letto
‘na vorta ce so stata pe’ du’ ore.
E mo, che so scappata da quer ghetto,
nun riesco a levammelo dar còre
quell’infame bojaccia maledetto.
-------------------------------------------------------------------
La casa, quella ce l’ho

La casa, grazie a Dio, quella ce l’ho,
un raschio de salute nun me manca,
ciò la pensione, poi che antro ciò?
Ah, sì, quattro bajocchi messi in banca.

Bisogno d’un marito nun ce l’ho.
Avecce ‘n omo fisso ‘n po me sfianca
e a fa la serva proprio nun ce stò,
è che ho già dato, so sincera e franca.

Dovesse capità qua e là, pe sbajo,
‘no scampoletto bono, me lo pijo
e qualche oretta gaia ce la scajo
ma er giorno appresso, doppo ‘no sbadijo
lo avverto ch’è assai mejo dacce ‘n tajo
e lo fo sorte fora der giacijo!
------------------------------------------------------------------
Er fijo barzotto

Sai quante vorte je l’ho detto a quello
che se ne deve annà, che ormai è barzotto
ma lui gnente, se crede ch’è un pischello,
trentaquattranni fatti er giorno otto.

Sarò ‘na palla co’ sto ritornello,
lo so da me, però se ‘n fa fagotto
drento ‘sto mese, giuro, sor Otello,
butto li panni sua da sopra a sotto.

Nun posso seguità co’ li bucati,
camicie da stirà, pile sur foco,
vojo er riposo de li pensionati.
S’ha da decide presto, fa er trasloco,
ch’io so stufa d’annà in albergo a Prati
quanno m’ho da incontrà co’ Lino, er coco!
 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio