09/02/2006      chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


MiniposterCinema


AIG - ostelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                   accade a Roma

Una vacanza in Valtellina
Trascorrere una vacanza in Valtellina significa anche compiere un viaggio nel passato. Io ho avuto la fortuna di sposare una romana-valtellinese adottata dalla mia città che e'Roma, e per questo ogni estate e qualche inverno ci ho trascorso molto tempo.

Appena lasciato il lago di Como, ti trovi alle porte della Valtellina, alpi
Retiche, l'Adda; dopo pochi chilometri si incontra Morbegno, cittadina medievale... la sentinella della valle.

Continuando sulla strada principale si può salire sulla sinistra verso Val Masino, Val Malenco posti da favola per alpinisti e sciatori, con rocce a strapiombo; sulla destra Val Gerola chiusa in una gola da fantascienza, e poi ecco Sondrio, amena città alle falde della Valtellina alta, tappa a Teglio per i "pizzoccheri", gustoso piatto per le gole particolari con particolari assaggi del burro di quelle valli.
Il passo dell'Aprica, e poi ti trovi a Tirano con la porta della Svizzera.

Continuando sulla strada maestra ti avvicini al parco naturale dello Stelvio che non ha bisogno di presentazioni; S. Caterina, Bormio, Val di Dentro... Livigno, paradiso dei consumatori di sigarette, cioccolate, profumi e puoi portare via ricordi e regali mantenendo il senso della misura per non incappare nella dogana, blanda, ma sempre dogana.

Quanti viandanti, guerrieri, re, sono passati per quelle valli? La testimonianza è visibile in ogni frazione, in ogni chiesa; durante la seconda guerra mondiale fu teatro della lotta partigiana e quelle montagne furono la testa di ponte della Resistenza.
 

E quanti dal 1500 cominciarono l'esodo verso Roma, durante le guerre di religione? Commercianti, fornai, tutti con la volontà del
darsi da fare nella nostra grande città.

A oggi si contano discendenti con la stessa identica passione, tanto che si e' formata nel 68 la Famiglia Valtellinese di Roma con sede allachiesa di S.Carlo al Corso; ogni anno si riuniscono in un grande locale di Roma, con degustazioni tipiche della loro vallata, musica e premi per i più anziani e per i bambini.

Come dicevo io e la mia famiglia ci abbiamo passato intere estati, a Naguarido, il paesino di origine della dinastia di mia moglie, piccola frazione arroccata sulla parete occidentale della vallata, gran panorama e molto riposo e per i bambini un paradiso.

Purtroppo nel 1987 accadde qualcosa di tremendo da quelle parti, nel mese di luglio è piovuto per giorni e giorni, e mentre eravamo in procinto di arrenderci e tornare a Roma, dalle voci del posto si
alzò un allarme inquietante, l'Adda stava straripando ed erano tutti preoccupati.
Così, un po' per curiosità e un po' per passione, presi la mia telecamera e mi misi in una posizione in cui potevo vedere la valle e il fiume minaccioso: e mentre giravo dei ricordi da mostrare agli amici a Roma ,ecco che accadde l'irreparabile.
Il fiume straripò portando via case, animali e cose.
Io riuscii a filmare questo evento prima ancora che la stessa televisione le radio e i notiziari potessero avvertire la povera gente.
Il giorno dopo la tv di stato e le televisioni private accorsero in massa, si posizionarono con tende e apparecchiature per poter notiziare minuto per minuto tutto ciò che accadeva da quelle parti, ma non avevano l'evento accaduto il giorno prima e fu così che io portai la mia ripresa al tg1 e loro la mandarono in onda la sera, facendo il mio nome e ringraziamenti.
Fui famoso per un giorno, come si usa dire, ma ho anche reso un servizio alla "mia" vallata.

Amici lettori di "iloveroma",  se vi capita di organizzare una gita "for de porta" non dimenticate di visitare la Valtellina

ciao ciao
UBALDO detto DUCCIO

 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco