05/02/2006      chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


MiniposterCinema


AIG - ostelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                          for de porta

ORGOGLIO E SINERGIA. A Cerveteri il Vaso di Eufronio

Orgoglio e sinergia. Non è il titolo di un film ma semplicemente l’accostamento di due sostantivi che insieme rappresentano le linee guida per un modello di sviluppo turistico – culturale di Cerveteri. L’orgoglio deriva dalla consapevolezza di vivere al cospetto delle grandi testimonianze lasciate dall’uomo, dalla grande opportunità di poter passeggiare nella storia quando più ci piace, di godere dell’atmosfera impalpabile che si respira tra i pini secolari della Necropoli in una bella giornata di sole. Sinergia perché solo l’unione di tutte le forze attive dei diversi settori: cultura, turismo, arte, sport; così come le peculiarità territoriali: agricoltura, allevamento, prodotti tipici locali, artigianato; e la singolarità del territorio: mare, monti, campagna, lago, può costituire quella forza necessaria per formare un’immagine unica, compatta, vincente di Cerveteri, finalizzando e mirando gli sforzi per un rendimento proporzionato. Ed a Cerveteri orgoglio e sinergia esistono, spingono prepotentemente, probabilmente basta solo metterli insieme, sintonizzarli per fare quel salto di qualità che la capitale dell’Etruria Meridionale merita e deve rivendicare. Potrebbe sembrare questo un discorso astratto, teorico, il mero esercizio del grafomane di turno, invece no, e per dar forza a questa convinzione la supporto con concretezze, esperienze vissute. L’associazione Tages e la fondazione Faem stanno organizzando la prima edizione della manifestazione denominata Ludi Ceretani, e per questo si avvalgono della collaborazione delle altre associazioni del territorio. Bene, proprio quest’occasione è stata propizia per vedere la volontà, l’entusiasmo, l’orgoglio di cui si parlava prima: la signora capace di cucire si offre per confezionare i costumi per la parata storica, però vuole una pubblicazione dalla quale copiare per rispettare quanto più possibile la fedeltà storica, per far ben figurare Cerveteri. Oppure il calzolaio che si prodiga per trovare la miglior soluzione per i calzari, partecipe come i membri delle tante associazioni che collaborano alla realizzazione dei Ludi, propositivi, apportatori di idee e tanto valore aggiunto, pur consapevoli del duro lavoro che ci aspetta, e siamo appena all’inizio. Ecco come queste forze finalmente si uniscono, collaborano, si armonizzano alla stregua dei componenti di un’orchestra, insieme per suonare il miglior concerto. L’altro caso concreto che mi piace citare è l’entusiasmo prodotto dall’apprendere che il vaso di Eufronio ritorna in Italia, a Cerveteri. Al bar, all’edicola, dal barbiere, ovunque se ne parla. C’è il risveglio dell’orgoglio. Persino a Roma, dove ho dovuto declinare le generalità, il mio interlocutore leggendo Cerveteri ha detto: “ah, presto riavrete il vostro vaso, sarete contenti, immagino”. Si, siamo contenti, anche in questo caso l’orgoglio c’è, ed è forte, probabilmente manca la sinergia, cioè il coordinamento generale per far sì che il vaso di Eufronio torni veramente qui, dove è stato rinvenuto, o meglio, trafugato. Esiste infatti la concreta eventualità che il prezioso reperto si fermi nella capitale, perché a Cerveteri non esiste un luogo adatto e sicuro per custodirlo, già sostiene qualcuno. Ma che significa questo, se non c’è lo costruiamo. Ed è qui che, ribadisco, all’orgoglio dobbiamo aggiungerci le sinergie, per non perdere questa opportunità. Abbiamo dalla nostra parte il Presidente della Provincia di Roma, Enrico Gasbarra, che si è dichiarato pronto a sostenere e finanziare la realizzazione di una grande struttura museale proprio a Cerveteri; il Ministro della Funzione Pubblica, Mario Baccini, ha dichiarato che il ritorno del vaso di Eufronio deve essere il primo impulso per valorizzare tutti gli aspetti culturali di Cerveteri, già patrimonio dell’Unesco. Ecco allora come orgoglio e sinergia corrispondono ad opportunità e sviluppo. Noi di Tages siamo in prima linea per esercitare il diritto di riavere qui, a Cerveteri, quest’opera. Siamo altresì convinti che i turisti l’apprezzerebbero ancor più visitando le Greppe di Sant’Angelo, luogo di ritrovamento e sito di suggestiva e spettacolare bellezza. Forza, non lasciamo che i toni della vicenda si smorzino, teniamo vivo il problema, per vari motivi: seguire, perorare e sostenere la causa del rientro, poi perché, come diceva Oscar Wilde: “bene o male, purché se ne parli”, e questa vicenda per ora è un grosso veicolo pubblicitario per Cerveteri, serviamocene.
Giorgio Raviola
Presidente Associazione Tages

 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco