scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

domenica 22 maggio 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                       la città futura

Via le macchine dal Pellegrino

Prima di venire ad abitare a Via del Pellegrino, abitavo ai Coronari. Eh sì, un privilegio per il quale, però, ho sempre accettato di avere case molto piccole.

Dai Coronari al Pellegrino è stato facile, mi è sembrato di attraversare Corso Vittorio e in effetti è stato proprio così. Tanto facile che fu possibile, anche allora, più di vent'anni fa, trasferire il numero di telefono.

Mi sembrava fosse tutto molto simile, la vicinanza di una grande piazza, lo stesso sapore del vicolo...

Solo una cosa non tornava: le macchine. Via dei Coronari era stata già pedonalizzata, a Via del Pellegrino ci sono ancora le macchine parcheggiate su un lato.

C'è stato un giorno che per lavori la strada è stata sgomberata e di colpo mi sono accorta di quanto è larga, che non ha nulla da invidiare ai Coronari.

E allora dico: perchè non facciamo che la strada sia a divieto di parcheggio? Capisco che questo mi fa incorrere nelle ire dei miei vicini di casa e che tutti diranno "parli bene tu che la macchina non ce l'hai". Vero.

Ma è questione di organizzazione e in fondo anche di abitudine; è successo in tutte le strade del centro storico che sono state via via pedonalizzate.

Fosse per me no mi limiterei al divieto di parcheggio, ma vorrei anche il divieto di transito. Pedonalizzazione.

Mi ricordo le ire dei negozianti: così non verrà più nessuno. Che sciocchezza: passare in macchina significa che i negozi non si vedono nemmeno, nei negozi del centro ci si entra perchè si passeggia e si passeggia con gusto quando non si devono scansale le macchine che qui, grazie alla sosta da un lato, hanno pure poco spazio per transitare e tu, pedone, devi spiaccicarti contro il muro. Figuriamoci se con questo stato d'animo e di corpo si pensa ad entrare nei negozi. Giusto per chiedere riparo dalle macchine... In effetti non ci avevo pensato. Fosse una strategia?

 

ac :)

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema