scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

giovedì 16 maggio 2013

           

                                                                                             soggettive

Auto-mobili

Villa Borghese.

Quando mesi fa una amica madre di due bimbi piccoli mi ha detto che non aveva più piacere di andare a Villa Borghese perchè circolavano troppe "macchine" non ci volevo credere e ho pensatosi trattasse delle auto del servizio giardini o di mezzi momentaneamente in circolazione per qualche lavoro di riassetto del parco o di troppo zelanti vigili urbani per la nostra sicurezza.

Poi, la settimana scorsa, date le belle giornate, ho ricominciato a lavorare "in esterni" portandomi in computer e il pranzo in borsa. E ho dovuto credere.

Queste foto, che già farebbero discutere, le avrei dovute scattare di sabato quando la situazione è la seguente:

- molte biciclette in circolazione e va benissimo (io ho imparato ad andare in bici proprio sul viale del Pincio...)

- pattini e va bene

- qualche skate e va ancora bene

- risciò e già va meno bene.

E' di domenica 13 maggio la notizia che Luca Giurato è stato travolto da un risciò sbucato all'improvviso. Ed era col nipotino. Uno si chiede "come fa un risciò a sbucare all'improvviso? Lo fa perchè adesso i risciò di Villa Borghese, non so se tutti o solo alcuni, hanno la pedalata assistita e possono, quindi, correre un po' di più. Metti ci sia una curva e un pedalatore vivace ed ecco fatto che vai sotto il risciò. La cosa può fare anche un po' ridere ma dubito che Giurato si sia divertito tanto.

- macchine elettriche e qui non va bene per niente perchè queste "corrono" anche più dei risciò.

E di sabato sono tante tante perchè il noleggio costa 50 euro per 4 ore e un gruppetto di 4 persone può trovare la cifra, di per se non irrisoria, conveniente rispetto alle più faticose biciclette.

A parte la considerazione che in un parco sarebbe più salutare camminare a piedi o fare un po' di sano moto pedalando senza aiuti, il risultato è che Villa Borghese è diventata, incredibile ma vero, trafficata nel senso pieno della parola. Va detto inoltre che si sviluppano le stesse dinamiche della strada: più è grossa la tua "macchina" più sei arrogante col risultato che il pedone a Villa Borghese deve stare attento e scansarsi velocemente allo scampanellio di biciclette, risciò e macchine elettriche, pena il nervosismo del guidatore.

MA SIAMO PAZZI??????

Non posso fare a meno di pensare che queste novità siano merito di permessi concessi dal sindaco Alemanno e dico VERGOGNA, anche per questo.

Via macchine e risciò "aiutati" dal nostro parco e che romani e turisti tornino a più giuste e sane abitudini, giuste e sane per tutti.

 

angela cannizzaro :)

 

 


accade a Roma


nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

quanto sei bella

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema