09/12/2005       chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

                                                                                                             soggettive

Ritorna il Natale, viva il presepe
Il presepe, il cenone, i regali sotto l’albero sono le immagini del ritorno del Natale. Nella tradizione della più famosa festa religiosa, si rinnova il messaggio di amore e di pace nel mondo, si accendono le luci nelle strade, i negozi si riempiono di merci, la gente si riversa nelle vie alla ricerca di regali, forse più sobri quest’anno per necessità di risparmio legate all’aumento del costo della vita . Il traffico diventa sempre più caotico e rischia di soffocare anche il messaggio di Natale.
Il presepe, malgrado l’albero di Natale ed altre iconografie natalizie, rimane il protagonista della festa. Oltre ai ricordi che genera in noi della terza età, rimane un elemento importante, per il suo significato intimo, anche per i bambini moderni. La tradizione ricostruisce in maniera plastica l’adorazione dei Re Magi e dei pastori davanti alla grotta di Betlemme ove si vuole che sia nato Gesù. Il presepio a Roma è ricordato nella Basilica di S. Maria Maggiore ove sono conservate le reliquie della mangiatoia e le prime rappresentazioni iconografiche della scena natalizia. La grotta è l’elemento caratterizzante intorno alla quale ruota tutta la rappresentazione. Tale simbologia fu presa da S. Francesco quando, nel 1223, rappresentò il sacro evento in una grotta di Greccio. Nella successiva tradizione si rappresentò la luce, con la Stella Cometa, che appare sul presepe, mentre il mistero della grotta rimarrà ancora nel tempo. Nel 1400 si diffuse la tradizione di costruire il presepe con figure di legno e di terracotta. Dalla Toscana tale tradizione si trasferì nel Lazio e poi in Campania nel reame di Napoli e qui si trasformò la raffigurazione della grotta in quella della capanna. E a Napoli la tradizione del presepe si esaltò trasformando l’iconografia con elementi d’epoca ed arricchendosi sempre più attraverso il barocco. Da Napoli abbiamo rappresentazioni del presepe che ormai sono vere e proprie opere d’arte. Il cosiddetto presepe napoletano è una caratterizzazione particolare, per la sua scenografia della sacra rappresentazione. A Roma ve ne è un esempio molto interessante nella Chiesa dei SS. Cosma e Damiano in Via dei Fori Imperiali.
Due sono i presepi costruiti in esterno di vecchia tradizione cittadina, quello al centro della scalinata di Trinità dei Monti e quello al centro della Piazza di S. Pietro. Poi bisogna ricordare il festival del presepe che ogni anno si ripete a Piazza Navona che si riempie di rivendite di immagini sacre e di pastori e tutto quello che serve per costruire un presepio.
Riaffiorano in questo periodo i miei ricordi del presepe che si faceva a casa mia quando avevo circa dieci anni subito dopo la guerra. Mio padre nel genere era un “artista “, e quando si avvicinava il Natale, tirava fuori dalle scatole “magiche” tutto l’occorrente ed io guardavo ammirato e felice l’inizio del lavoro che sarebbe terminato con la solita rappresentazione, avevamo una rientranza nel corridoio che si prestava magnificamente per la scenografia. Carta speciale per fare le montagne, sotto listelli di legno che diventavano sostegno per la scenografia. Con pastori molto belli e statuine in gesso veniva fuori un bel presepe, con le luci al posto giusto, con il fuoco fatto con la carta rossa e con le stelle che, quando arrivava il ciclo notturno, si illuminavano in cielo.
Ancora non vi era la concorrenza dell’albero e babbo natale, con la barba bianca ed il suo vestito rosso fuoco, era un personaggio quasi sconosciuto ed il presepe era il centro dell’interesse della famiglia ed oltre ad essere un elemento della rappresentazione liturgica, era un elemento socialmente affratellante. Girava in quel periodo ancora nelle case l’odore delle caldarroste e dei mandarini. E poi la zufolata degli zampognari che, nell’immediato dopoguerra, ancora si poteva sentire in giro per le strade della periferia romana. L’odore del vellutello che si andava a cercare nei posti umidi della Caffarella, necessario per la ricerca della migliore scenografia, il prato verde e le stradine fatte di farina di polenta, la carta da pacchi colorata che si trasformava in montagne e la farina in neve. E la notte di Natale, tutti intorno al presepe in attesa della nascita del Santo Bambino. Ci si riuniva con i vicini di casa, il più piccolo portava il bambinello nella grotta a mezzanotte cantando tutti in coro le canzoni natalizie, mentre nell’attesa ogni bimbo recitava la sua poesia imparata per l’occasione.
Ora gli zampognari si possono trovare in qualche strada aristocratica del centro più per attirare il cliente verso lusinghe commerciali. Ed a Roma nel presepe per eccellenza, quello dell’Ara Coeli, anche il Bambino esposto è una copia, perché quello originale è stato rubato e non più trovato.
La tradizione del presepe credo sia un po’ in ribasso sotto l’assalto delle nuove iconografie, ma, da parte mia, ai miei nipoti cerco sempre, nel limite del possibile, di rinnovare e trasmettere la magia del Natale con quello che di più caratteristico possa esserci: il presepe. Durante questo periodo, nella prima occasione in cui vengono a casa mia, tiro fuori anche io come faceva mio padre le statuine del presepe e gli do la gioia ed il divertimento di prepararselo da soli. E come il grande Eduardo dico “ me piace ‘o presepio”.
A Roma come a Parigi, a New York, a Londra il Natale, con la globalizzazione, tende sempre più ad omogeneizzarsi e questo non mi piace. Le tradizioni sono la cultura dei popoli anche se siamo nell’Europa unita, ed io cerco di mantenere viva quella del presepe. Viva il presepe.

massimo giacomozzi 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco