mercoledì 29 aprile 2015

            

                                                                                             la città del cinema

Voci notturne

A distanza di oltre vent'anni dagli sceneggiati RAI di ambientazione esoterica il cui capolavoro era stato Il segno del comando, la RAI torna con questo Voci notturne che ancora non si aveva il coraggio di chiamare fiction e che si definiva "miniserie".

Lo scenario è Roma e l'antico e misterioso ponte Sublicio, all'epoca fatto di travi senza chiodi, alla cui manutenzione erano addetti i "pontefici" e intorno al quale pare si facessero misteriosi rituali.

Tutto questo si rivela nel corso dell'indagine sulla morte di uno studente di architettura, figlio di un indagato per corruzione che ha fatto imprigionare potenti personaggi della politica e che forse è vittima di vendetta. Il ragazzo stava facendo una ricerca su un vecchio carteggio relativo al ponte e ai rituali risalente agli anni della guerra ad opera di uno studioso ebreo che aveva consegnato ai nazisti molti membri della comunità dopo essersi fatto affidare i loro beni.

 

Un intreccio di tutto rispetto fra passato remoto, passato e presente che incolla allo schermo e che si conclude... quasi nel nulla, in un non risolto che puzza di incapacità di scrittura più che di finale aperto per un sequel che all'epoca nemmeno era nelle strategia di produzione televisiva e giustificato solo dal mistero che rimane tale perchè tale e perchè tale è il suo fascino. Gradevole da rivedere ma...

 

Insomma, le chiacchiere stanno a zero: Pupi Avati, qui in veste di produttore, conferma quanto sospettato: che pure avendo esordito nel thriller-horror con La casa delle finestra che ridono, nel frattempo è passato attraverso una cinematografia noiosa in cui ha brillato solo Una gita scolastica, che rivela purtroppo... non so... forse una buona vena all'inizio della sua carriera (che ha abbandonato per cose meno angoscianti e quindi più gradite al pubblico) e che si è esaurita tristemente. Peccato per noi.

 

fiore di cactus :)

 

 


accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

quanto sei bella

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema