scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

mercoledì 28 settembre 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                             la città del cinema

 

Voi siete qui: i luoghi del cinema in un documentario


Roma fra finzione e realtà; come la città appariva nei film e come è diventata oggi. E’ quanto mostra e racconta Voi siete qui, un documentario di Francesco Matera, selezionato, in collaborazione con il Sindacato critici cinematografici, quale Evento Speciale della sezione Giornate degli autori alla Mostra di Venezia. Il risultato è un road movie metropolitano, che attraversa la città eterna alla ricerca dei luoghi resi famosi dai grandi film. A fare da guida nel viaggio Alberto Crespi, critico cinematografico dell’Unità ed esperto di viaggi cinematografici, in quanto autore con Alessandro Boschi del programma televisivo La valigia dei sogni, e Angelina Chavez, giovane fotografa, nata in Germania ma che da anni vive a Roma.

Convinti che il cinema sia diventato il vero grande cronista della vita di Roma, Crespi e la Chavez sono andati a rintracciare strade, piazze, palazzi, scorci, apparsi sul grande schermo, coinvolgendo, di volta in volta, in questa ricerca i cineasti che quei luoghi avevano scelto per i loro film. E così ecco Gigi Proietti tornare nel bar di piazza Venezia di Febbre da cavallo; Marco Bellocchio affacciarsi dalla terrazza più alta del Vittoriano, dove aveva ambientato una scena de L’ora di religione; Ettore Scola salire le scale del condominio Federici di viale XXI aprile, location principale di Una giornata particolare; Carlo Verdone aggirarsi nel portico di Lungotevere de’ Cenci, sotto la casa di famiglia, scelto per una memorabile sequenza di Bianco, rosso e verdone.

Le interviste si intrecciano, per dissolvenza o contrasto, con spezzoni dei film citati, mentre Crespi e Chavez indagano sulle motivazioni delle scelte, anche se in qualche caso le risposte non arrivano, come accade a Nanni Moretti che non sa spiegare o non ricorda perché girò proprio nel pratone di Tor di Quinto una celebre scena di Ecce bombo. I due esperti verificano anche come, a causa delle trasformazioni urbanistiche, certe inquadrature siano oggi impossibili e indagano anche su "imbrogli" tipicamente cinematografici. Con Gianni Amelio si scopre così che una sequenza di Colpire al cuore, ambientato a Milano, sia stata in realtà girata al Laurentino 38 o come la statua di Pasquino, utilizzata da Luigi Magni ne L’anno del Signore, sia un falso, una copia, posizionata in una piazzetta del Ghetto.

Ma Voi siete qui mostra anche come, a distanza di decenni, certi luoghi di Roma siano, al contrario, immutabili: come il palazzo di via Montecuccoli al Pigneto, davanti al quale in Roma città aperta Anna Magnani viene falciata da una mitragliatrice o come il paesello delle fate dietro il partone di via Margutta 51 di Vacanze romane. "Più che un viaggio di scoperte — commenta Crespi — il nostro film vuole essere un affettuoso e nostalgico viaggio nella memoria e un omaggio ad una città e ad un cinema molto amati. Quindi tutti i film citati e i personaggi intervistati sono la migliore tradizione della nostra cinematografia".

FRANCO MONTINI - Repubblica.it


 


accade a Roma


percorsi

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema