torna a www.iloveroma.it

 scrivi

mercoledì 22 luglio 2015

            

                                                                                                           veneziando

Monet - Palazzo da Mula 

 

Rimando le riflessioni sul carattere dell'impressionismo ad altra occasione, che comunque non tarderà a venire, per fermarmi invece su un'altra semplice domanda: perchè l'artista decide di dipingere un palazzo apparentemente "minore" considerato che accanto c'è Palazzo Dario.

Fermo restando che è impossibile entrare nel cuore di un artista e che l'arte non è frutto di ricerca, di studio, di riflessione... sì, certo, in fase di elaborazione teorica certamente. Ma l'opera d'arte, quel quadro, questo quadro, è figlia di una folgorazione.

Monet ha visto qualcosa e h preso i pennelli. Forse quella gondola.. forse no...

 

Sono andata a leggere le cronache dell'attività di Monet a Venezia. Era arrivato la sera di giovedì 18 ottobre 1908 insieme alla moglie e avevano preso alloggio a Palazzo Barbaro sul Canal Grande che all'epoca era l'Hotel Britannia.

 

Ed ecco svelato il mistero dei tanti dipinti veneziani di Monet: palazzo Barbaro è a San Vidal, poco oltre il ponte dell'Accademia.  Ca' Dario e Palazzo da Mula Morosini non sono proprio di fronte ma certamente nel campo visivo del pittore, campo visivo che in quel punto non può che essere attirato dal respiro verso il bacino di San Marco, verso la Salute, verso la Dogana, verso S. Giorgio Maggiore...

 

 

 

 

Per inquadrare così Palazzo da Mula Morosini, a Monet è bastato, forse, fare uno schizzo andando un paio di calli più in là, forse un fondamenta Corner Zaguri, forse prendendo un caffè sulla terrazza del Gritti...

Forse ha portato con se tela e colori e pennelli...

 

 

 

Ho visto il poster di questo quadro occhieggiare da un raccoglitore della Librairie Francaise a San Luigi dei Francesi a Roma. Ed è stato subito mio.

Ovviamente è ancora con me, un po' ammaccato ma con me per sempre.

 

angela :)

veneziando


Comune di Venezia
ACTV
Regione Veneto
Biennale
Musei
IUAV
Ca Foscari


Trenitalia


la città del cinema
pittura
grafica
photo
letteratura


Hugo Pratt