torna a www.iloveroma.it

 scrivi

domenica 29 settembre 2013

            

                                                                                                          scripta

 

Litania notturna

Grande poeta ma personaggio difficile.
Ezra Pound sembra essere lì a scardinare alcune convinzioni radicate; per esempio che l'estetica sia strettamente legata all'etica, come dire che una cosa bella non può nascere da una persona discutibile, che, insomma, non si può essere un grande artista ed essere fascisti allo stesso tempo.
Perchè no si è trattato di una generica o inevitabile adesione, non è il caso di Marinetti o di Blasetti o di Piacentini. Ezra Pound non sono ha scelto di venire in Italia, non solo ha omaggiato il Duce, ma ha lavorta per il regime con un suo programma alla EIAR e ha seguito Mussolini trasferendosi al nord fino alla caduta della Repubblica di Salò. Insomma era proprio un fascista.

Che ha scritto questi versi struggenti dedicati a Venezia, città dove ha passato gli ultimi anni di vita dopo che era stato arrestato per alto tradimento negli Stati Uniti, evitato una pesante condanna perchè una perizia psichiatrica lo aveva dichiarato incapace di intendere, dopo anni passati in manicomio.

Che fosse un convinto fascista resta un mistero che non si riuscirà a riolvere.
Tanto vale godersi suoi versi dedicati a Venezia

angela :)


O Dieu, purifiez nos coeurs!
Purifiez nos coeurs!
Oh si, la mia strada hai segnato
In piacevoli luoghi
E la bellezza di questa tua Venezia
m'hai rivelata
Che la sua grazia è divenuta in me
una cosa di lacrime.
O Dio, quale grande gesto di bontà
abbiamo fatto in passato, e dimenticato,
Che tu ci doni questa meraviglia,
O Dio delle acque?
O Dio della notte,
Quale grande dolore
Viene verso di noi,
Che tu ce ne compensi così
Prima del tempo?
O Dio del silenzio,

Purifiez nos coeurs,
Purifiez nos coeurs,

Poiché abbiamo visto
La gloria dell'ombra della
Immagine della tua ancella,
Si, la gloria dell'ombra
della tua Bellezza ha camminato
Sull'ombra delle acque.
In questa tua Venezia.
E dinanzi alla santità
Dell'ombra della tua ancella
Mi sono coperto gli occhi,
O Dio delle acque.
O Dio del silenzio,

Purifiez nos coeurs,
Purifiez nos coeurs,

O Dio delle acque,
illimpidiscici il cuore,
Poiché ho visto
L'ombra di questa tua Venezia
Fluttuare sulle acque,
E le tue stelle
Hanno visto questa cosa, dal loro corso remoto
Hanno visto questa cosa

O Dio delle acque,
Come le tue stelle
A noi son mute nella loro corsa remota,
Cosí il mio cuore
in me è divenuto silenzioso.

Purifiez nos coeurs!
O Dio del silenzio,
Purifiez nos coeurs!
O Dio delle acque.


Da : Ezra Pound, Personæ, 1908,1909, 1910

 

veneziando


Comune di Venezia
ACTV
Regione Veneto
Biennale
Musei
IUAV
Ca Foscari


Trenitalia


la città del cinema
pittura
grafica
photo
letteratura


Hugo Pratt