torna a www.iloveroma.it

 scrivi

venerdì 10 luglio 2015

            

                                                                                                          la città del cinema

PANE E TULIPANI

di Silvio Soldini

con Licia Maglietta, Bruno Ganz, Giuseppe Battiston

Italia - 2000 - 114'


La storia di una "botta di vita" di Rosalba che, dimenticata da figli e marito in un autogrill decide di regalarsi un giorno di vacanza a Venezia e finisce per dimenticarsi di loro. Tutto con un tono di stupefacente leggerezza.

A guardare bene è un film costruito interamente e molto intelligentemente sul concetto di "doppio".
Doppia la vita di Rosalba tra Pescare e Venezia.

Venezia città Doppia per definizione, reale e specchiata.
Doppia la vita di molti protagonisti del film: l'idraulico che veste panni di investigatore, il cameriere che era un cantante e molte altre cose.

Le inquadrature sono piene di specchi e la città reale stessa la vediamo specchiata: Rosalba arriva a piazza San Marco e la guarda mentre la piazza è riflessa dietro di lei nel vetro di un negozio.
Della città il regista inquadra solo parti che il turista non vedrà mai, quell'altra (doppia) Venezia fatta di case minute e di minutissime vite.

Sul doppio da citare l'omaggio che Soldini fa al cinema in pellicola "contro" il cinema-verità delle telecamere: sul pullman e nella telefona dagli alberghi, le sequenze sono girate in pellicola quando Rosala parla col figlio giovane (simile a lei nel carattere) girata in digitale come fossero le immagini girate dal figlio grande mentre parla il padre.

Il doppio della lingua: quella reale di Rosalba e quella aulica di Fernando (approfitto per segnalare che Bruno Ganz recita in italiano, ebbene sì)

E infine i sogni di Rosalba dove i figli, la famiglia vengono a galla mescolati con la nuova vita che lei sta costruendo senza quasi accorgersene.

Piacerebbe a Salvatores solo che la fuga di Rosalba non ha nulla di "spettacolare". Rosalba sparisce e Soldini preferisce guardare dentro ai fatti minimi dell'invenzione di una nuova vita, dall'appartamento vecchiotto al negozio da fioraio.
Rosalba in definitiva piace a tutti: agli uomini perchè esprime una sensualità e una femminilità non aggressiva, alle donne perchè corrisponde ad una femminilità reale e non da copertina

Indimenticabili:
Felice Andreasi nella parte del fioraio
Il cameo di Don Backy
L'inquadratura della casa contro l'imbrunire che cita "l'impero della luce" custodito proprio a Venezia alla Peggy Guggheneim Collection



fiore di cactus :) per www.lascatolachiara.it
 

veneziando


Comune di Venezia
ACTV
Regione Veneto
Biennale
Musei
IUAV
Ca Foscari


Trenitalia


la città del cinema
pittura
grafica
photo
letteratura


Hugo Pratt